Ti racconterò di una BOTTIGLIA a cui non potrai rinunciare…

Prima di uscire di casa si afferra la borsa, si butta dentro un po’ di tutto, dal portafoglio ai fazzoletti, passando per la spazzola e gli occhiali da sole, e – nella speranza di non aver dimenticato le chiavi di casa sul tavolo della cucina – ci si chiude la porta alle spalle.

Il mio consiglio è di prendere anche una bottiglietta, ma non di quelle di plastica da mezzo litro, per nulla ermetiche e capaci di rovesciarsi e allagare tutto, no. Il tipo di bottiglia di cui parlo io è tutta un’altra storia.

L’acquisto di una bottiglia ecologica non è tanto diverso dal decidere di iscriversi in palestra a mio parere; entrambi i propositi partono da una idea di cambiamento, sono tutti e due difficili da mantenere con costanza, ma dopo un po’ di tempo quando vi guarderete allo specchio vedrete davanti a voi una persona migliore. È vero, queste bottiglie possono sembrare scomode in principio: innanzitutto non si ricaricano per magia e quindi ogni volta che avrete sete dovrete esservi ricordati di andarle a ricaricare; inoltre una volta svuotate non potrete trasformarle in palline e liberare spazio nella vostra borsa (anche se ad essere sincera la soluzione adottata da QueBottle potrebbe sorprendervi, dateci una occhiata al sito http://www.quebottle.com).

Ma veniamo ai lati positivi di questo cambiamento essenziale nella vita di tutti noi:

1. Ogni volta che sceglierai di ricaricare una tua bottiglia e di non comprarne una di plastica risparmierai alla nostra atmosfera una emissione di 0,08 CO2 circa.

2. La maggior parte ti garantirà acqua sempre fresca, anche se avrai appena finito di passeggiare per ore sotto il sole del luglio più caldo che tu possa ricordare.

3. Aiuterai a diminuire quelle montagne di rifiuti plastici che popolano le nostre discariche.

4. Ti accorgerai che evitando di spendere i 50 cent che ogni giorno inserivi nelle macchinette a fine mese avrai nel portafoglio circa 10 euro in più, e a fine anno quasi 130 euro, che sono una cifra notevole.

5. E the last but not the least sulla vostra scrivania troneggerà una colorata e spaziale bottiglia in alluminio o in plastica solida o in vetro, ma comunque decisamente più interessante di quella impersonale della vostra vicina.

Vi lascio chiedendovi di riflettere sul tema, perché a prescindere dall’acquisto che farete, dall’idea che avete a proposito del riscaldamento globale e dell’inquinamento, se continueremo ad utilizzare così tanta plastica nel 2050 le stime ci dicono che ci sarà più plastica che pesci a popolare i nostri mari.

PS: se siete stati investiti da una voglia irrefrenabile di andare a cercare la bottiglia ecologica riutilizzabile perfetta per voi, ecco alcune opzioni che potrebbero interessarvi:

24bottles 

Monbento

Swell bottle

S’ip by S’well 

Tupperware

Chilly’s bottles

Daniela Perazzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...