Future Learn: l’apprendimento del futuro

maxresdefault

“Future Learn”, tradotto “l’apprendimento del futuro”, non indica – come potrebbe sembrare – l’ennesima previsione futuristica sull’ evoluzione del sistema dell’istruzione; non si tratta quindi di lim (lavagne interattive multimediali, peraltro già largamente in uso anche nelle scuole italiane), né di insegnanti robot, di sussidiari le cui pagine scorrono su un tablet e nemmeno di “rivoluzioni” come l’abolizione di esami o voti. O forse non ancora, per il momento.

Future Learn è una piattaforma MOOC (Massive Open Online Courses, cioè “Corsi online aperti su larga scala”) fondata nel 2012 in Inghilterra, ma di cui oggi usufruiscono studenti di tutto il mondo, oltre che di tutte le età, indifferentemente dal fatto che ci si possa permettere o meno le rette universitarie. Infatti, costituita inizialmente da dodici fra le più prestigiose università inglesi, attualmente fanno parte di questa realtà 143 enti, fra cui l’Università di Torino. Altri partner degni di nota sono l’UCL di Londra, l’Università di Edimburgo, Bristol, Warwick, oltre ad altri atenei europei, ma pure americani, australiani, giapponesi ecc. Ancora, si trovano i contributi di istituzioni non universitarie, non ultima l’UNESCO.

I corsi disponibili sul sito, benché interamente in inglese, possono perciò reputarsi di un certo livello, oltre ad affrontare gli argomenti più disparati. Ma il vantaggio principale è probabilmente il fatto che le lezioni siano completamente gratuite: si paga solamente l’upgrade, ossia l’opzione – assolutamente facoltativa – di usufruire a tempo indeterminato delle lezioni, che dà accesso anche alle certificazioni per attestare di aver seguito il corso e perciò di possedere le conoscenze annesse (come per le certificazioni di lingua straniera, insomma).

L’unico punto a sfavore, dunque, sembra appunto la scadenza dei singoli corsi, i quali hanno una data stabilita di inizio e di fine, entro cui si può accedere liberamente – secondo i propri ritmi di apprendimento – ai contenuti (ma è anche vero che gran parte dei video e dei testi messi a disposizione, possono essere scaricati). Di conseguenza, conviene consultare periodicamente la pagina del sito, per tenersi aggiornati sui corsi in arrivo, così da iscriversi e venire avvisati via e-mail quando quelli a cui si è interessati stanno per iniziare.

Realtà come quella di Future Learn – oltretutto già preceduta da altre piattaforme MOOC come edX e Coursera – non solo consentono a chiunque sia dotato di una connessione a Internet, di studiare e informarsi su qualsiasi argomento, ma permettono anche di orientarsi, a coloro che devono ancora scegliere a che facoltà iscriversi, oppure al contrario, a chi si sia accorto di aver intrapreso il percorso di studi sbagliato.

I quattro corsi a cui ha collaborato l’Università di Torino – riguardanti il “mito dei superfood”, la sostenibilità e la sicurezza nel corso della produzione alimentare, il confronto fra quattro diete appartenenti a quattro zone geografiche differenti e infine il rapporto fra cibo e mente, ossia tra ciò che mangiamo e il funzionamento del sistema nervoso – non hanno soltanto raccolto un ampio pubblico di interessati: sapientemente tenuti da docenti di UniTo e altri loro colleghi di diversi atenei, le spiegazioni risultavano difatti abbastanza semplici, persino per i non esperti del settore. Inoltre, alle lezioni che alternavano video e articoli, sono stati aggiunti dei quiz per verificare le conoscenze acquisite, corretti in automatico con tanto di riassunto dei concetti.

Come già detto, l’accesso – una volta iscritti e ottenute le proprie credenziali per il sito – è temporaneo, dunque questi quattro corsi non si trovano più online; tuttavia ve ne sono già degli altri, sempre sul tema dell’alimentazione, ma numerosi sono anche quelli di lingua straniera, di psicologia, di business, medicina ecc.

Immagine

 

Alice Tarditi

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...