7 Cose da Sapere sul Servizio Civile Universale

Il Servizio Civile Universale è un impegno che dura un anno presso un Ente, pubblico o privato, regolamentato dallo Stato. È aperto a chiunque abbia compiuto 18 anni e non ne abbia fatti 28 ed è prevista “una paga”. Ma ci sono alcune cose che spesso sfuggono o che non si sanno quando si pensa al Servizio Civile.

1- Non è un lavoro, non è uno stipendio.
Appunto, non è un lavoro e i soldi che si ricevono non sono uno stipendio ma un “rimborso spese”. Ciò non toglie che, ad oggi, per accedere al Servizio Civile bisogna mandare il proprio CV e fare un colloquio presso l’Ente a cui si è fatto richiesta. Nelle ore di servizio è richiesta puntualità, serietà e professionalità. Esattamente come si farebbe con un lavoro normale. E sì, si può essere “licenziati”.

2- Ma c’è un contratto! E un patto di servizio. E un prontuario.
Il primo giorno di servizio viene firmato un vero e proprio contratto e viene consegnato il prontuario, cioè l’elenco dei doveri dell’Operatore Volontario. È un importantissimo elenco di regole, dai permessi ai permessi speciali, dai giorni di malattia all’abbandono del servizio. Ma se il contratto è con lo Stato, il patto di servizio è un “mini contratto” con l’Ente presso cui si presta servizio. L’Operatore e il suo Operatore Locale di Progetto (detto OLP cioè il responsabile) lo stilano insieme con tutte le regole e gli orari a cui l’Operatore si deve attenere nel suo anno di servizio.

3- 10 mesi o 12 mesi? Entrambi.
La maggior parte dei progetti, ad oggi, dura 12 mesi. Ma molti progetti, i progetti sperimentali, durano 10 mesi. Alcune regole sono diverse rispetto a chi fa l’anno di servizio, ma nel prontuario è specificato tutto e l’OLP è sempre a disposizione.

4- Storia breve ma intesa.
Ufficialmente istituito nel 1972, il Servizio Civile era riservato solo a chi si dichiarava obiettore di coscienza. Quindi era “l’alternativa” al servizio militare. Ma non era semplice: bisognava dimostrare di essere obiettori, parlando con psicologi militari e carabinieri, e il servizio durava ben 20 mesi e non 12, come “punizione” del mancano servizio militare. Solo negli anni ’80 il Servizio Civile venne parificato a quello Militare come dignità di esercizio e vennero aboliti gli 8 mesi punitivi. Il tutto venne sancito in una legge del 1998, ma nel 2000 la leva militare obbligatoria venne abrogata e ciò causò un riesame anche del Servizio Civile. Nel 2001 venne istituito il Servizio Civile Nazionale, che nel 2017 è diventato Servizio Civile Universale.

5- Difesa della Patria.
Il Servizio Civile è difesa della Patria. Potrebbe far sorridere ma è così che viene classificato. Secondo la legge italiana, la difesa della Patria non è intesa solo come difesa armata, che è compito del Servizio Militare, ma anche difesa dei valori, della storia, della cultura e dei principi costituzionali italiani. Quindi sì, il ragazzo del Servizio Civile che lavora nella biblioteca del vostro paese o organizza laboratori nelle scuole o riqualifica le aree urbane sta difendendo la Patria.

6- Ci vuole tanta pazienza.
I primi tempi sono molto difficili. Tenendo contro che il Servizio Civile è aperto a chiunque abbia compiuto 18 anni, è possibile che questa sia la prima esperienza “lavorativa” che si intraprende. Le difficoltà possono essere molte. Bisogna imparare ciò che bisogna fare nel proprio progetto, imparare a relazionarsi con moltissime persone, sopportare tantissime ore di formazione che spesso appariranno “inutili” e molto altro ancora. L’importante, però, è ricordarsi che l’Operatore non deve MAI sostituirsi ai lavoratori assunti presso l’Ente, ma deve dare loro una mano. Quindi, “colleghi” degli Operatori, non sfruttateli, e voi Operatori non fatevi sfruttare.

7- L’OLP non è il tuo capo ma non è neanche tuo amico.
L’Operatore Locale di Progetto è colui che vi organizza le formazioni e gli orari, le vostre attività e che vi firma tutta la documentazione. È la persona che ha scritto il progetto che vi ha portato in servizio. Potrebbe non essere il capo dell’Ente dove lavorate ma è un po’ il vostro capo. Non lo è solo perché, appunto, il Servizio Civile non è un lavoro. Ciò non toglie che non è il vostro migliore amico: lui o lei deve svolgere il proprio lavoro e supportarvi nel vostro, aiutandovi a far fruttare la vostra esperienza, e voi dall’altro lato dovete trattarlo con rispetto.

Se poi dopo il lavoro volete farvi una birra nessun problema, ma nelle ore di servizio ricordatevi di essere sempre professionali!

Emilia Scarnera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...