7 canzoni cult che hanno vinto l’Oscar

Spesso parlando di Oscar ci si sofferma sulle nomination più note, trascurandone altre che vengono solitamente messe in secondo piano. Fra queste c’è il premio alla Miglior Canzone Originale.
L’Academy Award per “Best Original Song” è stato introdotto per la prima volta nel 1934 per premiare la miglior canzone presente in una pellicola cinematografica. La tanto agognata statuetta va agli autori del brano, e non agli interpreti come si può pensare, a meno che questi non abbiano anche preso parte alla composizione.
Spesso l’Academy ha confermato il successo già raggiunto dai brani a livello internazionale, i quali subito dopo essere stati distribuiti hanno raggiunto le vette delle classifiche trasformandosi in veri e propri cult.

Oggi vi proponiamo 7 fra le più famose canzoni che hanno vinto il premio e che hanno fatto la storia.

  • “Over the Rainbow”
    La canzone del 1939 viene prodotta da Harold Arlen, scritta da E.Y. Harburg e interpretata dalla giovanissima Judy Garland nei panni di Dorothy Gale, protagonista ne “Il mago di Oz”. Il brano ottenne l’ambito premio e la Garland vinse l’Oscar giovanile grazie alla sua performance. La canzone ha continuato a conquistare successo nel corso degli anni, anche grazie alle numerose cover (circa 650) che l’hanno resa più attuale, arrivando ad essere eletta “miglior canzone del XX secolo”.
    Grazie al messaggio di speranza contenuto nel testo, questo brano è diventato anche uno dei più grandi inni del movimento di liberazione omosessuale.
  • “Moon River”
    Il brano musicale è stato composto nel 1961 da Johnny Mercer e Henry Mancini e fa parte della colonna sonora del film Colazione da Tiffany con Audrey Hepburn. La canzone, che si è aggiudicata l’oscar l’anno seguente, è stata scritta appositamente da Mercer e Mancini per la Hepburn, tenendo conto della sua estensione vocale. Moon River viene interpretata dall’attrice nella scena in cui il personaggio interpretato da George Peppard, Paul “Fred” Varjak, scopre Holly Golightly (Audrey Hepburn) che canta accompagnandosi con una chitarra alla finestra. Un produttore propose di eliminarla dalla pellicola ma la stessa Hepburn si oppose con un deciso “Dovrai passare sul mio corpo!”.
  • “My heart will go on”
    La canzone è stata registrata dalla famosa cantante canadese Celine Dion, mentre la musica è stata composta da James Horner e i testi sono stati scritti da Will Jennings. Il brano è il tema principale del film cult “Titanic” di James Cameron che, oltre a quello per la miglior canzone originale, ha sbaragliato la concorrenza aggiudicandosi ben undici Oscar. La creazione del brano è stata però burrascosa, infatti Cameron non voleva che il film si concludesse con una canzone pop, e Celine non era intenzionata a lavorare ad un’altra colonna sonora. Alla fine il suo produttore riuscì a persuaderla a registrare il demo, che solo dopo la prima esecuzione conquistò i produttori del film, i quali decisero infatti di usare quella prima versione anche alla fine della pellicola. “My heart will go on” è il singolo più venduto al mondo dell’anno 1998, ed ha avuto un successo talmente vasto da aggiudicarsi il titolo di seconda canzone di maggior successo per una solista donna, dopo “I Will Always Love You” di Whitney Houston.
  • “Beauty and the Beast”
    La prima canzone targata Disney ad aver vinto un Oscar è “When You Wish Upon a Star” tratta da Pinocchio, e numerose sono state le statuette che la patria di Topolino ha conquistato. Citiamo però nella nostra lista il brano del film d’animazione “La bella e la Bestia” del 1992, che è stato il primo in assoluto ad essere candidato all’Oscar come Miglior Film. Il brano è stato scritto e composto da Howard Ashman e da Alan Menken.
    “Beauty And The Beast” è una ballad romantica che nella versione originale viene interpretata da Angela Lansbury, ovvero Mrs. Potts , la dolce teiera. Il brano viene poi riproposto nei titoli di coda in un duetto tra Peabo Bryson e Céline Dion, segnando il suo primo successo internazionale.
  • “Skyfall” e “Writing’s on the Wall”
    Due infatti sono le statuette che le canzoni del più amato agente segreto di sempre hanno vinto nel 2013 e nel 2016.
    La prima, che prende il nome del film stesso, è scritta e prodotta da Adele e Paul Epworth, ed è il matrimonio perfetto fra la voce potente ed unica di Adele, l’orchestra e le melodie tipiche della saga. Per quanto non si distingua per la particolare originalità rispetto alle altre canzoni della serie, il brano è stato accolto subito positivamente, scalando le classifiche mondiali in pochissimo tempo.
    Non meno successo ha avuto la “sorella” Writing’s on the Wall, singolo del cantautore britannico Sam Smith e tema ufficiale del film Spectre. Sam Smith ha dichiarato di aver cercato attraverso la sua canzone di rendere la figura di James Bond più vulnerabile e dunque più normale.
  • “City of Stars”
    City of Stars è uno dei tre brani candidati al premio appartenenti alla colonna sonora del film “La La Land” di Damien Chazelle. La canzone è interpretata da Emma Stone e Ryan Gosling, che per il film ha dovuto seguire numerose lezioni di ballo, canto e piano: tutte le inquadrature sullo strumento hanno come protagoniste le mani dello stesso Gosling, che non ha mai usato una controfigura. La musica del brano è stata composta da Justin Hurwitz, che già aveva lavorato con l’amico regista per il film “Whiplash”, mentre il testo è stato scritto da Benj Pasek e Justin Paul.
  • “Shallow”
    Lady Gaga ha composto il brano insieme al produttore Mark Ronson, che ha collaborato alla realizzazione dell’intera colonna sonora e con il quale aveva già lavorato in passato per alcuni suoi pezzi.
    “Shallow” è stato il primo singolo estratto dalla colonna sonora ad essere stato pubblicato, il  28 settembre 2018, incontrando fin da subito un enorme successo a livello internazionale. La canzone è interpretata ovviamente da Gaga e da Bradley Cooper che per la prima volta canta dal vivo. I due hanno conquistato nuovamente il pubblico mostrando la sintonia che li lega esibendosi durante la Notte degli Oscar prima della consegna del premio.

Daniela Frezzati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...