Ecoword – Cargo Bike

Alle porte del 2020, quando si parla di innovazione nel campo dei trasporti, pensiamo a mezzi di trasporto elettrici e sempre più veloci. Un esempio è il nuovo cybertruck Tesla, un pick-up elettrico con prestazioni da auto sportiva e un look futuristico. Esteticamente può piacere oppure no, ma quel che è certo è che i pre-ordini negli Stati Uniti hanno superato le previsioni. In Europa potrebbe non ottenere l’omologazione se non a scapito di grosse modifiche strutturali, ma sicuramente i clienti non mancherebbero neanche nel nostro continente.

Un altro esempio è il tanto discusso “hyperloop”, un treno a levitazione magnetica che ci porterebbe da Milano a Roma in 20 minuti, un’altra innovazione frutto del genio di Elon Musk. Il solo pensiero ci lascia a bocca aperta, anche se secondo un articolo uscito su Repubblica, la tratta Milano-Roma costerebbe circa 10 miliardi e quindi sarebbe come finanziare quattro o cinque TAV.

Uscendo dal mondo della fantasia e tornando alla realtà, quello che oggi vorremmo vedere nelle nostre città non è né un pick-up che sembra uscito da un fumetto anni Settanta, né un treno da 10 miliardi per arrivare a Roma in 20 minuti. Quello di cui le nostre strade – a Torino in particolare – hanno bisogno è un modo per ridurre smog e inquinamento acustico.

Gli esperti ci dicono che in città, in cui in media si percorrono massimo 5 km per raggiungere la propria destinazione, il mezzo più efficiente è la bicicletta. “Però la pioggia, la spesa, i cani, i bambini da portare a scuola…”: le polemiche contro chi sostiene una mobilità sostenibile sono tante e sono sempre le stesse.

Per tutte queste difficoltà, una soluzione esiste ed è già molto sfruttata in paesi del nord Europa, dove già da tempo ci si muove in modo più attivo e sostenibile. Si chiama “Cargo Bike”, non è un mezzo super tecnologico né particolarmente veloce, ma in città può sostituire al 100% un’automobile, senza però i suoi costi di mantenimento. Può essere elettrica oppure no, a forma di triciclo o più snella come una bicicletta normale, se non addirittura a quattro ruote.

Bike-Europe-cargo-bikes-Babboe_Big

Si può usare anche per trasportare oggetti pesanti come grandi elettrodomestici, oppure per le consegne della posta e di ordini online. E se serve solo una volta ogni tanto? Alcune città si stanno attrezzando per sistemi di sharing, proprio come per le auto, le biciclette e i monopattini.

IL-CASO-OLANDESE

Se l’idea ancora non vi convince, forse è perché vi immaginate di dover pedalare in mezzo al traffico. E forse è anche per questo che le città del nord Europa ampliano sempre più le loro piste/strade ciclabili e riducono lo spazio destinato al parcheggio su strada. Come di recente richiesto dalla Consulta Mobilità Ciclistica e Moderazione Traffico di Torino, bisogna assegnare più fondi a favore della ciclabilità, perché le nostre strade purtroppo non sono ancora pronte ad ospitare una mobilità lenta e sostenibile, come quella delle biciclette, dei monopattini e delle cargo bike.

Milena Parotti

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Gianluca Brescia ha detto:

    Spero che in un futuro la mobilità sarà elettrica oltre ad un aumento delle biciclette

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...