Social Queer

Quest’anno funesto ci ha tolto molte cose, fra queste anche il pride, nessuna parata ha colorato la nostra città, ma il 20 giugno sulla pagina facebook di Torino pride si è svolto un pride telematico, per festeggiare comunque questa importante ricorrenza per la comunità queer. Essere degli alleati della comunità LGBTQ+, però, non significa solo partecipare ad una sfilata una volta all’anno, riuscire ad essere dei buoni alleati significa avere la volontà di informarsi e conoscere chi si vuole supportare. Per questo motivo The Password vi consiglia dei profili social di persone che fanno divulgazione e attivismo in questo campo per gli altri, ma soprattutto per se stessi, facendo conoscere le loro storie.

I primi canali e profili di cui voglio parlarvi trattano di transessualità attraverso YouTube.
È importante mettere in luce che le persone transgender (di cui abbiamo parlato qui) continuano ad essere tra le più vulnerabili della comunità LGBTQ+. Negli ultimi mesi se ne sono sentite molte a riguardo, dalle parole di JK Rowling (grande sostenitrice del sesso/genere binario e biologico), alla legge che a fine maggio è stata approvata dal parlamento ungherese, che permette di scrivere sui documenti solo il “sesso registrato alla nascita” non permettendo di fatto alle persone transessuali o intersex di definire il genere in cui si sentono più rappresentati. Il 12 giugno Trump ha deciso – ironicamente lo stesso giorno in cui si ricorda la sparatoria di Orlando- di abrogare la legge promulgata da Obama che tutelava le persone transgender dalla discriminazione in ambito sanitario. Ora più che mai è necessario informarsi per lasciare indietro ogni pregiudizio.

Richard Thunder: è un ragazzo transessuale (FtM), il suo canale è aperto da diversi anni e parla del suo percorso personale, ma non solo. I suoi video ci guidano attraverso la sua transizione, dai primi passi, i primi ormoni, fino a portarci con sé durante le sue prime operazioni. Richard racconta anche a livello psicologico cosa significa una transizione, cosa sia la disforia di genere e cosa significhi viverla. Nel suo canale ci sono anche diverse interviste che aiutano a spaziare nel mondo LGBTQ+ e a conoscerlo un po’ meglio nella sua interezza.

TheDuckFaith: si chiama Francesco è un ragazzo transessuale, il suo canale ha ancora pochi video tra cui alcuni molto vecchi, ma vale la pena cominciare a seguirlo.

Muriel: è una ragazza di 26 anni, divulgatrice e cantante. All’interno del suo canale youtube vengono trattate diverse tematiche: body positive, femminismo e, ovviamente comunità LGBTQ+. Non parla in modo specifico di persone transessuali, ma nel suo canale si possono trovare delle interviste fatte a persone transessuali, interessanti ed esplicative che permettono anche a chi è alle prime armi con il mondo queer e trans di capire cosa significhi la transessualità.

Altri profili che trattano di temi LGBTQ+ li troviamo su instagram:

@Guyoverboard: Riccardo Onorato sul suo profilo IG tratta di bodypositive, di femminismo e di cosa voglia dire cercare di vivere aldilà degli stereotipi di genere.

@Cimdrp: Irene Facheris, è abbastanza famosa sul web, ha all’attivo due libri, un podcast ed un canale youtube. Parla principalmente di femminismo intersezionale, ma molto sovente tratta temi e problematiche che riguardano la comunità LGBTQ+
@La_versione_migliore : profilo instagram di Caterina, nato per parlare di positive e fat liberation, ma che ha anche iniziato a parlare di asessualità, argomento ancora poco esplorato e che per molti rimane un tabù. (per saperne di più a riguardo, guardare anche la pagina @aroaceitalia)

Pagine da seguire se interessati al movimento LGBTQ+ nella sua interezza:
@lgbt_history: attraverso le foto racconta la storia ed i movimenti della comunità LGBTQ+
@pride: racconta le storie di persone che fanno parte della comunità e mette alla luce molti creators e divulgatori LGBTQ+

Questi sono solo alcuni dei profili che si possono trovare su internet, molte più persone stanno decidendo di far sentire la propria voce, la loro storia o semplicemente il proprio appoggio. Per saperne di più o per incominciare ad avvicinarsi alle prime nozioni LGBTQ+ e non solo, questi sono i profili giusti.

Beatrice Maschio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...