Il crollo della lira turca

il

Lunedì 22 marzo 2021, il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdoğan, ha licenziato il governatore della banca centrale turca, Naci Ağbal, poiché questi aveva alzato il tasso di interesse al 19% nella speranza di rafforzare la moneta nazionale. Questa, ormai da anni, perde costantemente valore nonostante il cambio di valuta nel 2009, quando la nuova lira turca ha sostituito la vecchia lira che aveva, anch’essa, perso valore. Il nuovo governatore, Sahap Kavcioglu, è un professore turco ai più sconosciuto, dello stesso partito del presidente, l’AKP, acronimo di Adalet ve Kalkınma Partisi (partito della giustizia e dello sviluppo).

La perdita di valore della lira turca negli ultimi anni. Tasso di cambio TRY-USD. – FONTE: tradingview

Secondo le dichiarazioni del presidente, la mossa è motivata dal fatto che, a detta sua e del popolo turco, l’aumento dei tassi di interesse avrebbe causato l’aumento dell’inflazione (che si attesta intorno al 16%). Tuttavia, si tratta solo di retorica populista: la teoria economica e i fatti suggeriscono esattamente in contrario: un abbassamento del tasso di interesse corrisponde solitamente a un’espansione monetaria, ossia a un aumento della base monetaria, spesso seguito da un aumento generalizzato dei prezzi, la cosiddetta inflazione. Ma non serve certo un economista a cogliere l’intuizione: se i beni disponibili sono costanti, come accade nel breve periodo, e il potere d’acquisto aumenta dovranno anche aumentare i prezzi per mantenere l’equilibrio, se così vogliamo chiamarlo.

Ebbene, Erdogan, in buona o in cattiva fede, non lo ha compreso e ha ingiustificatamente (poiché la giustifica fornita non regge) licenziato il governatore della Banca Centrale, ma non è la prima volta che questo accade: era già successo, per lo stesso motivo, il 6 giugno 2019 con Murat Cetinkaya (al capo dell’istituzione dall’aprile 2016) e l’8 novembre 2020 con Murat Uysal . Tuttavia, a fare l’economia non è l’opinione pubblica, ma i fatti, l’agire di conseguenza di tutti gli agenti economici che, come è naturale che sia, fanno i propri interessi.

La domanda che viene naturale porsi è: cosa è successo?

Dal grafico riportato qui sotto in figura appare chiaro e senza ombra di dubbio alcuno: la lira turca è letteralmente crollata perdendo valore in pochissimo tempo, attestandosi in chiusura a 8,0500 per dollaro, 10% in meno rispetto alla chiusura del venerdì, dopo una giornata al ribasso in cui ha quasi toccato il minimo storico rispetto al dollaro. 

La perdita di valore della lira turca nella giornata di lunedì 22 marzo 2021. Tasso di cambio TRY-USD. FONTE: tradingview

Ma che cosa significa?

La perdita di valore della moneta, anche detta “svalutazione“, è per alcuni guru una carta vincente per rendere i propri prodotti più competitivi e aumentare la quantità di export. Tuttavia, il discorso regge solo fino a un certo punto, anche perché la Turchia non ha problemi di esportazioni, anzi, ha la bilancia commerciale positiva (cioè esporta più di quanto importa) e, se il mercato dei beni può, nel breve periodo, trarre beneficio da questa manovra, il mercato finanziario ne può uscire sconfitto. Infatti, spesso si verifica la fuga di capitali: gli investitori ritirano il proprio capitale dal Paese che ha svalutato e lo investono in un altro dove la probabilità che perda valore è minore.

Ed è esattamente quello che è successo in Turchia negli ultimi giorni, dove gli investitori, soprattutto giapponesi, hanno ritirato i propri capitali generando il panico: si teme infatti che questi possano ritirare i proprio capitali anche dagli altri paesi emergenti, timore che ha rafforzato sia lo yen che il dollaro, valuta “forte” in cui gli investitori nipponici – e non solo – si sono rifugiati, sempre nella giornata di lunedì 22 marzo.

Simona Ferrero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...