Intervista ad UniStarterPack

“Una piattaforma creata da studenti per studenti”

UniStarterPack è una piattaforma multifunzione creata da tre studenti di economia dell’Università degli Studi di Parma: Philipp Bajorat, Matteo Consolini e Muthair Mohammad.

Muthair Mohammad , Matteo Consolini e Philipp Bajorat

La piattaforma nasce nove mesi fa e offre un servizio esclusivo per gli studenti di tutta Italia. Tra le varie sezioni del sito ci sono gli eventi, gli annunci universitari e la più recente: una sezione interamente dedicata ai giornali universitari.

Su UniStarterPack gli studenti universitari possono acquistare e vendere libri, appunti, cercare un coinquilino, trovare eventi a cui partecipare e anche informarsi.

Sul giornalismo universitario

La sezione dedicata ai giornali universitari nasce circa due mesi fa: si tratta di un sistema che funziona come Google News a cui hanno aderito per adesso 50 giornali universitari in tutta Italia. In un solo e mese e mezzo la quota dei partecipanti è già aumentata molto.

Il giornalismo oggi rappresenta sempre più una sfida, in un mondo fatto di informazioni che viaggiano ad una velocità quasi impensabile. Anche per questo motivo la sezione dedicata all’informazione ha messo a disposizione degli studenti aspiranti giornalisti questo sistema, che permette una circolazione più veloce degli articoli pubblicati da ogni giornale. L’idea è di dare una possibilità di crescita a ciascun giornale attraverso l’aumento del traffico sia sulla piattaforma, sia sui siti dei giornali stessi.

Si tratta di un sistema che si aggiorna da solo, con lo stesso meccanismo di Google News, in cui ogni articolo appare nella sezione notizie da cui si verrà indirizzati nel sito del giornale che ha pubblicato la notizia. Questa sezione rappresenta una novità per i giornali universitari, una possibilità di emergere e dare più visibilità agli articoli, modo per creare informazione e farsi notare nel mondo del giornalismo.

In questa sezione è possibile consultare ogni tipo di informazione, dall’attualità, allo sport, agli eventi, la politica, cultura, sociale, cinema e libri e molto altro.

La piattaforma è in continua evoluzione e, per ora, un vortice di continue idee e progetti che si cercano di mettere in pratica nella speranza di poterle realizzare al più presto. E poi un giorno, chi lo sa, potrebbe diventare un lavoro!

Libri, appunti, eventi

Lo scopo è quello di dare qualcosa in più agli studenti nel loro percorso universitario, aiutarli con servizi aggiuntivi, come appunto il commercio dei libri e degli appunti che possono essere venduti comodamente dallo smartphone. Questa sezione, per adesso, rappresenta il fulcro su cui ruota tutta la piattaforma.

UniStarterPack nasce anche per un’esigenza personale, data da continue domande e idee che possono sorgere a un qualunque studente, solo che Philipp, Matteo e Muthair sono riusciti a concretizzarle.

Hanno creato un sistema di comunicazione tra gli studenti, una possibile linea comune che unisce tutti gli universitari, qualcosa in continua crescita e con dei risvolti interessanti e anche inaspettati. E per adesso, da Milano a Palermo moltissime università italiane sono entusiaste del progetto.

Una valenza ecologica

Nel mondo universitario ogni giorno si ha a che fare con libri da comprare, trovare, rivendere. Soldi da spendere e da guadagnare, e che non bastano mai! La sezione dedicata alla vendita di libri e appunti, oltre a permettere agli studenti di trovare facilmente il materiale, incentiva il sistema dei libri usati.

Tra le ricerche svolte per realizzare la piattaforma c’è anche quella che riguarda l’ecologia. In un sistema universitario in cui troppo spesso, da un anno all’altro cambiano le edizioni dei testi di studio, quanto costa in termini ambientali produrre un libro?

Il costo ambientale è molto alto, anche per questo l’idea della vendita di libri usati è un altro strumento per contrastare il cambiamento climatico, oltre ad essere utile dal punto di vista del risparmio economico.

UniStarterPack propone quindi un sistema che permette di rivendere libri a un buon prezzo, tenendo conto della valenza ecologica.

Una futura community: collegamenti sociali

Per il futuro ampliamento della piattaforma il piano è anche quello di arrivare alla creazione di una community. Si tratterebbe di un sistema che permette di mettere in comunicazione gli studenti da ogni parte d’Italia anche a livello sociale.

Dal punto di vista istituzionale, invece, si cerca ancora di creare collegamenti, in primis con l’UniPr, da cui il tutto nasce. Tra eventi, community e collegamenti istituzionali futuri, la piattaforma si propone di prendere sempre più campo.

Tutti e tre i fondatori raccontano che la piattaforma ha avuto molto più successo di quello che si aspettavano, nel primo anno ha già contatti in quasi tutte le università italiane, ma adesso l’obbiettivo è consolidare ancora di più la piattaforma incrementando la gamma degli iscritti. In ogni caso, entro i confini nazionali, non si pongono alcun limite di crescita.

Marina Lombardi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...