Alla scoperta del FAI e delle sue interessanti iniziative

Negli anni ’70, più precisamente nel 1975 un’idea meravigliosa prese vita: il FAI, ovvero il “Fondo Ambiente Italiano”. Il FAI è una fondazione italiana nata dall’idea di persone, tra cui Elena Croce, la figlia di Benedetto Croce, che nutrivano il grande desiderio di creare un qualcosa che potesse salvaguardare e valorizzare il patrimonio artistico, culturale e naturale italiano. Questa fondazione venne creata sulla falsariga del National Trust britannico, ovvero l’insieme delle associazioni britanniche a difesa dei beni nazionali culturali e naturali.

Dopo che l’organizzazione venne fondata e il suo statuto firmato, il FAI iniziò a svilupparsi e diffondersi sempre di più sul territorio italiano, a partire dalle prime importanti donazioni fino alle grandi ristrutturazioni. Oggi il FAI protegge e valorizza sessantotto beni: castelli, ville, pezzi di costa, boschi e molto altro. L’associazione è costituita da professionisti quali architetti e storici d’arte, ma un ruolo importante e fondamentale lo ricoprono anche i volontari, i quali cercano quotidianamente di diffondere i valori del FAI promuovendo e organizzando diversi interessanti appuntamenti durante l’anno. Tutti possono diventare volontari, basta accedere al sito dell’associazione, ricercare la sezione “volontari” e presentare la propria domanda.

Crediti immagine: https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-autunno/

L’associazione, dalla sua nascita ad oggi, ha realizzato e e continua a realizzare molte iniziative e attività: le Giornate FAI di Primavera, ovvero l’evento nazionale che permette ai cittadini di esplorare luoghi sconosciuti, l’aperitivo al tramonto a Villa del Balbianello a Como, il percorso di avvicinamento alla fotografia naturalistica, la festa della raccolta del sale a Cagliari e molto altro ancora.

Qualche giorno fa è arrivata la notizia di una prossima iniziativa del FAI che pare davvero interessante. Si tratta di una collaborazione tra Airbnb, portale online che fornisce un servizio di annunci di affitti e il FAI. Questa collaborazione farà si che dai prossimi mesi, tramite il sito http://www.airbnb.it/fai, sarà possibile prenotare un soggiorno presso alcune strutture FAI. Diventerà dunque realtà il sogno di alloggiare presso dimore storiche, abbazie e monasteri. A breve si potrà pernottare ad esempio presso Casa Guidi, la residenza dei poeti Elizabeth e Robert Barrett Browning a Firenze, l’Abbazia di San Fruttuoso ,antico monastero benedettino a Camogli, Villa Necchi Campiglio o ancora il Bosco di San Francesco. Il costo dell’alloggio dipenderà dal tipo di struttura ed esperienza, ma l’aspetto interessante è che l’intero importo del soggiorno andrà direttamente al FAI, senza spese di commissione.

Oltre ai suggestivi soggiorni, grazie a questa collaborazione tra Airbnb e il FAI, sarà possibile vivere esperienze uniche e innovative nel loro campo, come visitare il Negozio Olivetti, opera dell’architetto Carlo Scarpa, situato in piazza San Marco a Venezia, le saline Conti Vecchi a Cagliari, famose per il suggestivo paesaggio rosa o ancora, intraprendere un’escursione nel Bosco di San Francesco. Insomma, una carrellata di interessanti occasioni da non perdere!

Alessandra Vegis

Crediti immagine di copertina: https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-autunno/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...