Oh tempora! Oh mores! Anche gli antichi Romani inquinavano

Antropocene: uomo e natura insieme.

La parola inquinamento è recentemente diventata di uso comune e diffusissimo, specie se accostata a quella di cambiamento climatico o di Antropocene, un concetto, nato solo poche decine di anni fa, che evidenzia come l’attività umana sul pianeta alteri quest’ultimo fino a danneggiarne profondamente gli ecosistemi.

Questo significa che, per definizione, la Terra sia un ambiente ibrido, tra naturale e antropizzato, e che quindi non esistano praticamente più foreste vergini, spazi incontaminati o, dall’altra parte, città o insediamenti umani completamente privi di natura.

È il 2000 e il chimico Paul Crutzen (che in quell’anno riceve il premio Nobel) introduce il concetto di Antropocene e, da questo momento, la ricerca scientifica si dibatte energicamente per trovare la data di inizio di questa vera e propria era geologica. Quando l’uomo ha effettivamente incominciato a modificare l’ambiente circostante, modificandolo drasticamente e alterandone gli equilibri naturali? Forse quando ha introdotto i pesticidi… o quando ha sganciato la prima bomba nucleare… o con la rivoluzione industriale… o quando ha selezionato le prime piante commestibili rispetto ad altre, facendo nascere di fatto l’agricoltura. Sono tutte osservazioni molto valide, ma allo stesso tempo sono solo risposte parziali e potrebbero essere tranquillamente tutte giuste.

Solo un esempio…

L’inquinamento ambientale è oggigiorno uno sconvolgente dato di fatto (e forse purtroppo ci stiamo abituando alla cosa) e, sebbene vi siano molte politiche e attività socioculturali a combatterlo, non è sempre un tema pienamente noto a tutti e molto spesso è sottovalutato, come nel caso degli Antichi Romani.

Questi ultimi hanno, infatti, impattato sulla temperatura globale a causa dei numerosi fuochi accesi (e non solo): i ricercatori della ETH di Zurigo hanno stimato che l’enorme quantità di particelle di fuliggine e carbonio immessa all’epoca dei Romani, in particolare tra il II sec. a.C. e il IV sec. d.C., abbia abbassato di 0,17°C il clima europeo. Rispetto ai nostri dati odierni, pare un piccolo numero quasi insignificante, ma è la prova incontrovertibile che l’uomo ha alterato gli equilibri naturali per millenni.

Se si osserva con un po’ più di attenzione la storia romana, in essa si possono già leggere molte vicende vicine a noi: l’urbanizzazione e l’aumento demografico, a volte anche incontrollati, la deforestazione per fare spazio a nuovi centri abitati o per produrre oggetti utili alla quotidianità o per potersi semplicemente scaldare. Non bisogna scordare che il fuoco era importantissimo per la vita di tutti i giorni nell’antichità, anche se spesso poteva essere fonte di distruzione.

Ma perché si è detto che il problema è stato sottovalutato? Per il semplicemente fatto che l’abbassamento delle temperature è stato affievolito da un riscaldamento globale (che gli studiosi tendono a definire come del tutto naturale) fino a 0,15°C, facendo passare così in secondo piano l’alterazione delle temperature.

… ma ce ne sono altri.

La variazione di temperature dovuta ai fuochi non è, però, l’unica forma di inquinamento attestata nella Roma antica. Se pensiamo, ad esempio, alla dibattuta questione della gestione dei rifiuti (che ancora oggi in molte città del mondo non riesce a trovare una soluzione), l’Urbe doveva far fronte ai rifiuti di circa un milione di abitanti nel periodo di massima espansione e gestire anche le acque reflue, grazie a una organizzazione che doveva essere impeccabile.

Roma era infatti ricca di fontane e acquedotti e doveva essere costantemente rifornita di acqua potabile. Tuttavia le tubature, fatte di piombo, inquinavano l’acqua perché consumate dal continuo scorrere, causando anche numerosi danni ambientali e non solo, se si pensa alla salute dei cittadini.

Nicola Gautero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...