Artemis 1, l’uomo si prepara ritornare sulla Luna

Rinviato anche il secondo tentativo di lancio – il primo datato 29 Agosto 2022 – dell’ARTEMIS I, che avrebbe dovuto tenersi sabato 3 settembre alle 20:17, ora italiana. Ma che cos’è l’Artemis 1 e che cosa significherebbe effettuare un lancio con successo?

L’Artemis 1, il cui nome vuole richiamare e omaggiare al tempo stesso la missione Apollo 1, è il primo di svariati test integrati di cui la NASA si avvarrà per iniziare a esplorare lo spazio profondo e, eventualmente, riportare l’uomo sulla Luna. Si tratta di un volo senza equipaggio – se non per manichini che simuleranno le reazioni del corpo umano alle nuove condizioni di viaggio – sulla navicella Orion: la durata del viaggio è attestata a 37 giorni, 23 ore e 53 minuti per un totale di 2.1 milioni di kilometri percorsi per orbitare attorno alla Luna.

Una missione ambiziosa che si prefigge di superare i precedenti record per ciò che riguarda la permanenza dell’uomo sullo spazio: nessuna navicella con equipaggio, prima di Orion, si è allontanata così drasticamente dalla Terra, né lo ha fatto per un lasso di tempo così ampio.

Obiettivo primo della missione è verificare che la navicella ritorni in ottime condizioni sul suolo terrestre, al contempo occorre verificare il buon funzionamento del razzo Space Launch System, SLS, e dei satelliti che verranno rilasciati una volta oltre l’atmosfera. Nel caso in cui la missione abbia esito positivo, sarà già con l’Artemis 2 che l’uomo potrebbe nuovamente mettere piede sulla Luna.

Trattasi, dunque, di un test di proporzioni colossali, nonché di un vero e proprio evento storico che avremo il piacere di seguire in diretta una volta che le condizioni ottimali per il lancio saranno raggiunte. Il razzo SLS e la navicella Orion avrebbero dovuto già decollare il 29, data poi posticipata al 3 settembre, perché i motori del razzo non erano riusciti a tornare alla temperatura corretta dopo una prima prova.
Questa volta il problema è da imputarsi a una perdita registrata durante il caricamento di idrogeno liquido, che l’avvicendarsi di ben tre tecnici non è riuscito a eliminare.

La NASA non ha ancora fornito indicazioni ufficiali circa la nuova data, ma lunedì 5 e martedì 6 settembre avrebbero potuto costituire valide alternative: lunedì, infatti, l’arco di tempo per il lancio sarebbe stato di ben quaranta minuti, ridotti invece a ventiquattro il giorno seguente.
Tuttavia, data l’impossibilità di effettuare il lancio in questi giorni, Artemis dovrebbe lasciare la piattaforma di lancio per quasi un mese, in modo tale che possano essere sostituite le batterie del suo sistema di sicurezza. Per tale motivo la NASA ha attualmente chiesto un’estensione all’ente che si occupa di rilasciare i permessi relativi alla durata delle batterie, in modo da poter lanciare nelle giornate del 23 o 27 settembre.

Speriamo, dunque, che il progetto di Artemis 1 riesca finalmente a diventare realtà!

Rebecca Isiri

Crediti immagine di copertina: @nasaartemis on Instagram

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...