Tutto ciò che c’è da sapere sulla tolleranza delle droghe leggere nei Paesi Bassi

Se vi è mai capitato di visitare Amsterdam o fare un giro nei Paesi Bassi molto probabilmente sarete entrati in uno dei tanti coffee shops disseminati per la città, cioè i bar in cui è legale comprare e consumare droghe leggere. Ma cominciamo dall’inizio.

Sono gli anni ’70 quando i Paesi Bassi scelgono di cambiare approccio riguardo al problema delle droghe. Il nuovo sistema dà priorità all’assistenza sanitaria e alla prevenzione, ma allo stesso tempo colpisce molto duramente la criminalità organizzata e controlla il consumo di droghe, pur tollerandolo. L’Opium Act è la principale legge sulle droghe: condanna il possesso (superiore a 5g a persona per uso personale), la coltivazione (superiore a cinque piante per uso personale), il traffico, l’importazione e l’esportazione di sostanze stupefacenti; quindi ne consente la vendita nei locali autorizzati fino ad un massimo di 5g a persona al giorno. Inoltre nel 1976 un emendamento sancisce la divisione delle droghe in due classi: droghe pesanti (cocaina, eroina, anfetamine e LSD) e droghe leggere (prodotti della canapa, come marijuana e hashish); le prime portano a vera dipendenza fisica, mentre le seconde sono moderatamente additive dal punto di vista psicologico.

Oggi nei Paesi Bassi la vendita e il consumo di droghe leggere avviene nei coffee shops, i locali autorizzati dallo Stato dei Pesi Bassi. Chi vi si reca ha la possibilità di comprare marijuana o hashish scegliendola dal listino prezzi oppure può semplicemente decidere di fumare quella già in suo possesso. È pur sempre un bar, perciò è quasi d’obbligo ordinare qualcosa da bere, ma non aspettatevi di trovare birre o mojito: all’interno dei coffee shop è vietato consumare alcolici. In compenso è possibile assaggiare particolari biscotti e torte a base di cannabis. L’ingresso e la vendita ai minori di 18 anni sono vietati, perciò, nonostante non tutti i coffee shops controllino l’età dei clienti, potrebbe capitarvi che all’ingresso vi richiedano di mostrare un documento d’identità.

Amsteram's coffee shop
Tè alla menta e marijuana in un coffee shop di Amsterdam

Consumare cannabis all’aperto è legale, ma ciò non significa che sia ben visto. Pubblicizzare la droga è vietato e ultimamente molti coffee shops sono stati chiusi perché troppo vicini alle scuole. Perciò se decideste di farvi una canna all’aperto è consigliabile scegliere un luogo un minimo appartato, non troppo in vista e possibilmente non in mezzo a famiglie con bambini. Insomma, usate il buon senso.

L’obiettivo della politica olandese di tolleranza controllata sulle droghe è ridurre la domanda e l’offerta di sostanze stupefacenti, oltre ai rischi per i tossicodipendenti e per la società. Si può, quindi, dire che abbia ottenuto un ragionevole successo rispetto alle politiche perseguite in altri paesi: il governo dei Paesi Bassi ha potuto risparmiare tempo e denaro e si è concentrato sulla cura dei tossicodipendenti, sulla prevenzione e sulla lotta alle droghe pesanti. A differenza di quel che si può pensare, qui il numero di utenti dei vari tipi di droghe non è maggiore che in altri paesi , mentre il numero di decessi per droga (2,4 morti per milione di abitanti) è il più basso d’Europa.

Quella della droga è una questione fondamentale che, considerato l’aumento del consumo di cannabis in Italia negli ultimi anni, non può evidentemente essere risolta con il proibizionismo. Una politica di tolleranza controllata sul modello olandese permetterebbe di garantire sicurezza alla società intera, oltre che ai consumatori di stupefacenti. Sarà mai possibile qualcosa di simile in un Paese come il nostro? Noi ci speriamo.

di Irene Rubino

Un commento Aggiungi il tuo

  1. irenerubino ha detto:

    L’ha ribloggato su Un pagliaccio e la sua matitae ha commentato:

    Se vi è mai capitato di visitare Amsterdam o fare un giro nei Paesi Bassi molto probabilmente sarete entrati in uno dei tanti coffee shops disseminati per la città, cioè i bar in cui è legale comprare e consumare droghe leggere. Ma cominciamo dall’inizio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...