Harry Potter and The Cursed Child

Albus Severus Potter, il secondogenito di Harry e Ginny, è totalmente diverso da tutto il resto della famiglia: è un Serpeverde, detesta il Quidditch e il suo unico amico è Scorpius Malfoy, che è considerato da tutti il figlio di Voldemort e che ha una cotta per la piccola Rose Granger Weasley, Grifondoro.

Albus detesta la scuola e fin dal primo giorno sente il confronto con il padre, del resto non è facile essere il figlio di Harry Potter e sembrare così diverso da lui… Sembrare, non essere, perché così come il padre anche il figlio ha una forte attrazione per i guai. Infatti, quando Amos Diggory si reca a casa Potter (dopo aver sentito del ritrovamento di una GiraTempo illegale) per chiedere a Harry di tornare indietro e salvare Cedric, Albus e Scorpius saltano dall’Espresso in corsa per recuperare la GiraTempo e sottrarre alla morte Cedric Diggory. In quest’impresa vengono accompagnati da una misteriosa ragazza di nome Delphi. Intanto a Harry, dopo 22 anni di silenzio, torna a fare male la cicatrice. Ben presto però i ragazzi scopriranno che modificare la storia non è così semplice, e che i minimi cambiamenti possono avere conseguenze disastrose sul futuro…

È vero che la storia è completamente differente dai primi 7 volumi, e molti la troveranno quasi una forzatura: le critiche sui vari siti dedicati ad Harry Potter sono abbastanza negative, soprattutto per quanto riguarda la seconda parte del libro. Bisogna poi considerare il fatto che i primi 3 anni passano in un lampo e la vera storia incomincia intorno ai capitoli – o, meglio, alle scene – 5/6, all’inizio del quarto anno di Albus e Scorpius. Forse ad alcuni la lettura risulterà un po’ faticosa a causa della soluzione editoriale adottata: il libro infatti è una sceneggiatura, non un romanzo; Harry Potter and the Cursed Child nasce come dramma teatrale in due parti. L’opera è stata scritta da Jack Thorne su soggetto di J. K. Rowling è andata in scena per la prima volta il 30 luglio 2016 al Palace Theatre di Londra con John Tiffany come regista e, essendo nata come tale, dà il meglio di sé su un palcoscenico. Dopotutto una sceneggiatura è veramente completa solo se ci sono gli attori!

Personaggi molto ben caratterizzati sono: Ginny, Albus, Draco e Scorpius Malfoy. Come Jason Isaacs (Lucius Malfoy) ha commentato su Twitter, dopo essere stato a vedere a teatro The Cursed Child, “L’ho guardato con occhi scettici e me li sono ritrovati spalancati dalla meraviglia e poi inondati dalle lacrime. I Malfoy hanno spaccato. Sono molto orgoglioso di loro”.
Comunque tra realtà parallele, nuove profezie, paradossi temporali e avvenimenti che stravolgono la storia originale si sviluppa questo ottavo capitolo di una delle saghe più amate di sempre… e a volte i nemici di una vita diventano amici e chi credevamo amico in realtà ci è nemico.

Valentina Ribba

Foto di Armata Serpeverde

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...