7 commedie romantiche per chi è stufo delle solite storie d’amore

L’amore è stato trattato in tutte le salse, tra canzoni, film e libri, nelle più svariate epoche. Nonostante ciò, è ancora possibile trovare delle rappresentazioni che si discostino un po’ dall’immaginario collettivo e che ci possano ancora dare degli spunti di riflessione sull’amore, quell’argomento complesso che, volenti o nolenti, tocca la vita di ognuno di noi.

500 days of summer: Ecco un film davvero pregevole ma rovinato – come al solito – dal titolo italiano “500 giorni insieme”, che non tiene più conto del gioco di parole dell’originale – che significa in modo ambivalente “500 giorni d’estate” ma anche “500 giorni con Summer” (che sarebbe la protagonista femminile, la quale nella traduzione italiana viene misteriosamente rinominata Sole). La storia comunque narra di Tom, laureato in architettura che lavora in uno studio editoriale di biglietti d’auguri e Summer (mi rifiuto di chiamarla Sole), che viene assunta come segretaria del capo del suo studio. Lei – disillusa dall’amore e che non crede nei rapporti duraturi – fa breccia nel cuore di Tom – romantico e impacciato – che in questi 500 giorni narra gli sviluppi del loro rapporto. La parte davvero interessante, comunque, oltre alla trama che garantisce sviluppi inconsueti, è il tipo di scelta narrativa “saltellante” a livello temporale, che in una sequenza di scene numerate a seconda del giorno di riferimento, senza rispettare del tutto l’ordine cronologico, tiene incollati allo schermo intenti a cercare di carpire non tanto il finale, quanto le motivazioni e le situazioni che hanno portato ad esso.

What if: Chi ha detto che l’amore non possa nascere da un’amicizia? Ma soprattutto, chi ha deciso che se stiamo già con una persona in modo apparentemente sereno non possiamo innamorarci di qualcun altro? Questo film gioca il tema dell’amore poco polically correct in modo intelligente e avvincente. L’amicizia tra Chantry, fidanzata da 5 anni, e Wallace, che ha interrotto gli studi a causa di una forte delusione amorosa, sembra sfociare in qualcosa di più e la pellicola narra la nascita di sentimenti illeciti e, per certi versi, socialmente inaccettabili, sebbene molto più comuni di quanto non si voglia ammettere.

The eternal sunshine of the spotless mind: Quante volte avremmo voluto poter cancellare dalla nostra memoria momenti della nostra vita spiacevoli o addirittura il ricordo di persone che ci hanno fatto soffrire? Joel Barish e Clementine Kruczynski, dopo una storia meravigliosa e altrettanto travagliata durata anni, dopo l’ennesimo litigio, stanchi della loro relazione, si rivolgono a un’agenzia che permette di cancellare i ricordi legati a eventi o persone. Il film si articola su questa scelta, dolorosa e drastica, e il conseguente pentimento dei protagonisti, che a metà tra un sogno onirico e il mondo dei ricordi cercano di salvare la loro memoria per potersi ricongiungere.

Amici, amanti e….: Situazioni famigliari complicate e paradossali portano Adam in una spirale depressiva che Emma cerca di mitigare standogli vicino. I due, trovandosi bene insieme, decidono di intraprendere una relazione esclusivamente sessuale e libera da vincoli sentimentali. La pellicola, sebbene vessata da battute a volte eccessivamente studiate per risultare genuine, è godibile per alcuni passaggi che evidenziano quanto sia in fondo sottile la linea tra il rapporto puramente amicale e quello amoroso.

Amami se hai coraggio: Julien Janvier e Sophie Kowalski si conoscono alle elementari in un periodo difficile per entrambi e tra i due si instaura una forte amicizia basata su un gioco in cui vengono proposte, a turno, delle sfide a cui non è possibile sottrarsi se si accetta di partecipare. Da bambini le sfide sono assimilabili a marachelle, per cui i due amichetti vengono costantemente ripresi da genitori e insegnanti, che cercano più volte di separarli, non rendendosi conto del fortissimo legame che si instaura tra loro. Gli anni passano e i due protagonisti crescono quasi in simbiosi, non abbandonando mai il gioco che ha contraddistinto la loro infanzia. Le sfide, ovviamente, si evolvono insieme all’età di Julien e Sophie, passando da innocenti giochi da bambini, a sempre più intricate provocazioni e umiliazioni, per culminare in episodi paradossali e al limite della moralità. (Ne avevamo già parlato più approfonditamente qui)

Before sunrise: Nato come film sentimentale di nicchia e scaturito in cult per gli amanti del genere, Before sunrise si distingue dalla maggior parte dei film romantici per la ricercatezza dei dialoghi e per la complessità psicologica dei protagonisti, che si scoprono nell’arco di una sola notte che non dimenticheranno mai. Su un treno, due giovani ragazzi, Celine, francese diretta a Parigi, e Jesse, americano in viaggio tramite interrail, cominciano a parlare e inevitabilmente si sentono fortemente attratti l’uno dell’altra. Il colpo di fulmine è così intenso che decidono di scendere entrambi a Vienna per una sola notte da passare insieme (Jesse avrebbe preso l’aereo da Vienna il mattino seguente per tornare in America), durante la quale scopriranno affinità mai provate prima, affrontando temi caldi e profondi quali il concetto di morte, l’odio per le imposizioni, gli stigmi sociali e la loro personale visione del mondo.

L’errore perfetto: Leo Palamino è un aspirante scrittore che si è separato da sua moglie Julie, che è diventata ricca e famosa per aver scritto un blog, e successivamente un libro, su quanto “faccia schifo” il suo ex-marito, raccontando la loro storia nei minimi dettagli, permettendosi di divulgare difetti e particolarità poco pregevoli non solo della relazione conclusa, ma anche propriamente di Leo, che in poco tempo diventa lo zimbello non solo del proprio paese ma di tutto internet. Trovandosi quindi in una situazione di diffamazione e umiliazione mediatica e sociale, Leo vive tra la derisione generale, non potendo più dire di avere una vita privata. Nonostante ciò si innamora follemente di Colette e cerca di dimostrarle di essere qualcosa di più rispetto allo zimbello che l’ha reso la sua ex-moglie.

Veronica Repetti

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. illettorecurioso ha detto:

    Me ne mancano un paio, devo recuperarli! 😍

    Mi piace

    1. Veronica Repetti ha detto:

      Facci sapere allora poi 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...