Pelle: la fiera delle stranezze

Nel 2017 sulla piattaforma Netflix compare in una nuova e stravagante copertina, un film dalle mille sfaccettature, una critica esuberante e prorompente contro la società moderna. Si tratta di Pelle (Pieles il suo titolo originale in spagnolo), il film di debutto di Eduardo Casanova. Forse non conosciuto da molti proprio per la sua stravaganza, il film è un ritratto caricaturale ma allo stesso tempo delicato di una società inerme di fronte all’emarginazione di ogni forma di stranezza.

I casi presentati nel film costituiscono delle estremizzazioni di ciò che il termine stranezza può comprendere, proprio perché nella vastità di ciò che contiene va a toccare l’aspetto ”strano” insito nell’essere umano. Pelle è lo strano dentro ognuno di noi, uno strano che vuole essere legittimato e inserito in un contesto in cui viene sempre denigrato o rinnegato.

Una trama generica ( senza spoiler, ovviamente) potrebbe essere riassunta in sole poche parole. Pelle racconta la storia di persone reputate diverse, e costrette a nascondersi per scappare dal rifiuto degli altri.

Caro lettore, se ti sei spinto fino a questo punto, vuol dire che il film potrebbe essere proprio adatto a te. Infatti è un film difficilmente suggerito o sconsigliato, poiché, proprio come affermato dal regista

”Nella migliore delle ipotesi il pubblico tirerà dei pomodori allo schermo del cinema, ma preferirei che uscisse dalla sala sereno”

Eduardo Casanova

pieles-pelle

“Pelle è ciò che potrebbe venir fuori se Almodovar, Lynch e Charles Manson si prendessero una sbronza insieme nel peggiore pub della più squallida topaia dell’universo conosciuto” è quanto dichiarato da Linkiesta. Ed è proprio questo il punto. E’ un film disturbante, che non può lasciare indifferenti. I deboli di stomaco si troveranno senza dubbio in difficoltà di fronte a queste immagini.

In una regia dai colori pastello alla Wes Anderson, le storie di queste persone si intrecciano senza toccarsi mai davvero. Una ragazza senz’occhi, un sistema digestivo sottosopra, un ragazzo che vuole essere una sirena, un volto deforme; le loro vite non sono come quelle di chiunque altro.

pieles-pelle-3-1068x601.jpg

E’ un film estremamente difficile da categorizzare, perché ogni personaggio e ogni storia rappresenta un genere a sé, che oscilla dal macabro al comico, dal grottesco alla tragedia. E’ come una gigantesca montagna russa, in cui ogni scatto è una sorpresa, sempre diversa da quello precedente.

Se Eduardo Casanova voleva elogiare le stranezze ci è sicuramente riuscito, in un viaggio mozzafiato in un mondo tanto surreale quanto vicino alla realtà.

Quando-il-corpo-ti-blocca-mentalmente-Pelle-3.png

Emma Battaglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...