“Oltre il bosco” di Melissa Albert

Alice è abituata a spostarsi in continuazione e a cambiare casa e scuola con la stessa facilità con cui ci si cambia un paio di scarpe. Lei e la madre, Ella, sembrano in fuga dalla sfortuna. In qualsiasi città si trovino a vivere, succede qualcosa di strano che spinge le due a trasferirsi. Questo finché Althea Proserpine, nonna di Alice e madre di Ella, muore lasciando in eredità alla figlia la sua casa, Hazel Wood. Ciò che per Ella sembra essere la fine della loro sfortuna, è solo l’inizio delle disavventure di Alice. Questo perché Althea era la “Regina dell’Oltremondo”, una scrittrice che aveva pubblicato una raccolta di fiabe oscure e affascinanti degne dei fratelli Grimm dal titolo “Racconti dall’Oltremondo“.

Ella ha sempre tenuto lontano Alice dalla nonna e dall’Oltremondo – impresa facile dato che tutte le copie del libro sopracitato negli anni sono stata rubate o distrutte – ma tenere lontano l’Oltremondo da Alice è stata ben altra impresa; un fan di sua nonna arrivò persino a rapirla per portarla ad Hazel Wood. Il risultato di tutto ciò è una vita in movimento con Alice che non ha mai letto nessuna storia del libro di sua nonna Althea, nonostante esista un racconto intitolato “Alice-Tre-Volte“. Alla morte di Althea non arriverà la pace desiderata da Ella e, in seguito al suo misterioso rapimento, Alice scoprirà che l’Oltremondo non è mai stato troppo lontano da lei.

Oltre il bosco” è il romanzo d’esordio di Melissa Albert, fondatrice del Barnes & Noble Teen Blog, edito da Rizzoli. Gli elementi oscuri degni di una fiaba dei fratelli Grimm si mescolano con un moderno gusto dell’horror regalando una splendida avventura. Non è un libro perfetto, e ci sono alcune scene che sfuggono a qualsiasi logica, sia essa umana e reale o fiabesca. Nel complesso è più che gradevole, forse non la classica lettura da ombrellone com’è stata per la sottoscritta, ma comunque un’esperienza piacevole. La copertina potrebbe pesare molto sulla scelta di questa lettura, grazie alla fantastica illustrazione curata da Jim Tierney. Questo è anche uno dei rari casi in cui la copertina originale viene mantenuta anche nelle edizioni negli altri paesi. Una scelta giustificata dal fatto che lo splendido disegno racconta buona parte della storia. Inutile che vi ci soffermiate troppo: non vi accorgerete di tutti i particolari dorati e argentati della copertina finché non sarà troppo tardi.

Questa storia è decisamente il prodotto di un autore acerbo, piano di fantasia e di suggestioni, il frutto di una mente innamorata dalla lettura e dei libri. Albert ha appena iniziato, e si vedrà poi come questa autrice evolverà in futuro. Una nota negativa: il libro funziona molto bene come storia a sé, ma per il 2020 è prevista l’uscita di “The Night Country“, cioè il seguito di “Oltre il Bosco”. Cosa capiterà nell’Oltremondo il prossimo anno?

Emilia Scarnera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...