L’IMPORTANZA DELLA CONDIVISIONE: UNA RIVOLUZIONE LILLA

Una folata di palloncini, sorrisi e sguardi lucidi. 24 Aprile 2019. Firenze, la capitale della bellezza. “Ricordo il lungo viaggio in treno, i fremiti dell’attesa. Poi solo un immenso e meraviglioso abbraccio”.

Provenienti da tutta Italia, un gruppo di ragazze ha sfidato la distanza per realizzare un sogno: raccontarsi, condividere le loro storie fatte di lotte, sofferenza, cadute. Vita. Esperienze accomunate da un male che imprigiona mente e anima: il disturbo alimentare. E’ #larinascitadellefarfalle: perché soltanto con i colori, con la consapevolezza di esistere si può raggiungere la leggerezza, quella vera, e non un obiettivo fittizio, fatto di calcoli, numeri, calorie, ossa sporgenti.

Tutto è nato grazie ai social e a una coraggiosissima donna: Maruska Albertazzi; lei è la “mamma di instagram”. Spogliandosi di ogni protezione ha parlato del suo percorso. Sempre a disposizione, regala consigli, programma delle dirette con psicoterapeuti e dietisti per abbattere il silenzio gravoso che nuoce un numero sempre più preoccupante di vittime. Anche lei ha attraversato un lungo periodo di fragilità. Ma oggi è un’implosione di grinta: “Basta vergognarsi. La malattia mentale non ci rende meno validi”.

Ma come è stato possibile tutto questo?

Forse le piattaforme digitali non vanno sempre considerate come fonte di disagio. “Scorrevo tra le foto quando ho visto quella di un piatto ben curato, coloratissimo; era un profilo recovery.”. Sono degli account in cui si postano le proprie giornate, le sfide ad ogni pasto e molto di più. E’ una tela intessuta dai battiti delle “guerriere” ma anche da tantissimi “guerrieri”. E’ un modo per non sentirsi casi umani, unici, strani. Ci sono tante persone che soffrono e hanno bisogno di aiuto o di un semplice incoraggiamento.

E’ impressionante vedere dal vivo persone di cui avevo solo letto su instagram le storie e i pensieri, i pensieri che sentivo miei. Vedere le persone che ammiro per ciò che hanno fatto e per come mi hanno aiutata (anche inconsapevolmente) e si sono aiutate. Siamo forti.”

@giulialookingforbalance

Un corteo lilla, (colore della lotta contro i disturbi alimentari) una quarantina di giovani luminose, cariche di un’adrenalina contagiosa. E tra una focaccia gustata senza paura, un prato umido, lacrime di commozione e poesie, sono diventate amiche. Tutte in cerchio tra i fili d’erba hanno capito di avere il diritto di urlare a squarciagola, farsi ascoltare . Perché nessuno deve più sentire il peso della solitudine.

(l’incontro è stato suggellato da un lucchetto sul Ponte Vecchio)

Maruska è riuscita a sublimare la magia di quella giornata nel suo documentario “hangry butterfly”.

Il trailer è disponibile cliccando su questo link: https://www.ilmessaggero.it/video/salute/anoressia_recovery_instagra_hungry_butterfly_documentario_maruska_albertazzi-4862142.html

E’ una vera e propria rivoluzione; il 28 settembre è già avvenuto il secondo incontro a Bologna, ma ce ne saranno molti altri. L’obiettivo è quello di toccare tutte le regioni italiane.

I disturbi psichici si nutrono della disinformazione, del timore di venire allo scoperto. Ma gli stereotipi stanno per essere abbattuti: sono delle vere e proprie malattie che necessitano di cure mediche e gruppi di supporto, ma soprattutto della normalità di un pomeriggio tra amiche, un gelato, di empatia.

Il metodo #esticazzi è infallibile. Ogni volta che il senso di colpa o i pensieri spiraliformi vi assalgono fate come mi ha insegnato la mia psicoterapeuta. Dite, a voce alta, ESTICAZZI! Ditelo almeno tre volte, con volume crescente. Non permettete che la paura del conflitto e il desiderio di essere amate vi condizionino fino a stare male. Pensatelo, gridatelo, urlatelo! ESTICAZZI!! Funziona. Giuro.”

-Maruska Albertazzi

(I bigliettini sono i pensieri che le ragazze si sono scambiate al parco delle Cascine)

Arianna Guidotto

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...