Solidarietà digitale: il supporto del web alla cittadinanza italiana

La quarantena è stata e, in alcuni casi, può essere ancora parecchio difficile, soprattutto per chi, in attesa di risposte, non trova modi di impiegare il tempo, o non ne ha l’opportunità. Le risorse online sembrano offrire un’infinità di opzioni, sia a livello ludico che culturale, ma non sempre questi servizi sono accessibili a tutti, in primis per la mancanza di una connessione internet abbastanza veloce, o per gli ingenti prezzi richiesti per accedere a determinate piattaforme. In occasione di questa situazione straordinaria grandi compagnie e piattaforme hanno deciso di riunirsi per rendere la nostra vita un po’ più semplice, e la quarantena un po’ più sopportabile. Stiamo parlando della solidarietà digitale. Numerosi gli aderenti all’iniziativa, da i nomi più importanti, alle aziende più piccole che hanno cercato comunque di dare il proprio contributo.

Vediamo subito nel dettaglio alcune delle possibilità che ci vengono offerte

1) Per quanto riguarda la connessione internet, i gestori 3, Wind, Tim, Iliad e Fastweb hannno offerto un notevole ampliamento dei Giga disponibili, in alcuni casi rendendoli illimitati e in altri regalando decine di Giga gratuitamente. Opzione essenziali per chi, come molti di noi studenti, non ha una connessione Wi-Fi illimitata.

2) Possibilità di leggere gratuitamente numerose riviste online, quali la Stampa e la Repubblica che hanno regalato 25000 abbonamenti; Altreconomia che renderà disponibile gratuitamente le mensilità di aprile, maggio e giugno, e molti altri. Oltre a ciò, la possibilità di scaricare eBook da piattaforme quali Mondadori, Edizioni Dedalo e Il Saggiatore.

3) Numerose risorse per il telelavoro, l’utilizzo di piattaforme di smart working avanzate, e compagnie che offrono consulenze per pubblici e privati per ridurre l’impatto sociale ed economico del proprio lavoro. Tra queste Digital360-Smart Working Training, Sygma Connect e Microsoft.

4) Piattaforme di e-learning che permettano di ridurre l’impatto sul percorso scolastico e universitario degli studenti, con possibilità di lezioni online e supporto di diversi materiali. Tra queste Cisco Webex, l’app usata da molti professori dell’università di Torino, G suite for education, e tante altre.

Le opzioni di supporto sono numerose, e oltre a essere estremamente utili, rappresentano senza dubbio una volontà comune di solidarietà, che supera gli interessi economici e individuali e mira a un benessere collettivo. Queste misure sono una concreta possibilità di trasformare questo momento di difficoltà in una possibilità di crescita.

Emma Battaglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...