Armenia e Azerbaigian: un conflitto moderno dalle origini antiche

Il 27 Settembre ha visto il riaccendersi di un conflitto dalle origini antiche, quello tra Armenia e Azerbaigian. La guerra ripone infatti le sue radici nelle ostilità tra queste due potenze per il territorio di Nagorno Karabakh, zona autonoma contesa dagli inizi del XX secolo.

Le origini del conflitto sono riconducibili al governo staliniano che, nel disegnare i confini delle repubbliche sovietiche, divise i territori senza contemplare il fattore etnico, al fine di contrastare lo sviluppo di proprie identità nazionali. Per tale motivo il territorio del Nagorno Karabakh fu dichiarata  regione autonoma dell’Azerbaigian. Nel 1988 gli armeni del territorio chiesero di essere trasferiti sotto il controllo dell’Armenia, dando vita ad una brutale guerra che ebbe luogo tra il 1992 e il 1994. Dopo il cessate il fuoco mediato dalla Russia , l’Armenia è riuscita a mantenere il proprio controllo sul Nagorno Karabakh e su un’ampia porzione di territorio che collegava quest’ultimo con l’Armenia vera e propria.

Nonostante il controllo armeno esercitato da più di due decenni sulla zona, e la presenza di una maggioranza etnica armena, il Nagorno Karabakh è riconosciuto ai sensi del diritto internazionale quale parte dell’Azerbaigian e governato dalla Repubblica di Artsakh. Ad oggi, entrambe le potenze in gioco non riconoscono legittimità alla Repubblica di Artsakh, e rivendicano la propria sovranità sull’area dopo circa trent’anni di stabilità.

Risulta complicato reperire dati certi su quanto sta accadendo in queste settimane sul territorio conteso. Lo scoppio del conflitto è attribuito all’Azerbaigian, ma è necessario delineare quali siano le potenze in gioco in un quadro geopolitico così complesso. Sono infatti coinvolte altre due potenze in questo conflitto, ovvero la Russia e la Turchia. Quest’ultima è stata accusata dall’Armenia di aver abbattuto un suo jet militare con un F-16 dal territorio azero, nonostante le smentite di Erdoğan, dimostrando così un chiaro sostegno all’Azerbaigian. D’altro canto la Russia ha un accordo di difesa con l’Armenia, e dunque dietro questo conflitto si cela contestualmente l’ambiguo rapporto tra Russia e Turchia.

Nel complesso contesto di alleanza geopolitiche si inseriscono anche ragioni di natura interna, possibili vera causa del conflitto attuale. Infatti il governo azero di Ilham Aliyev ha bisogno di una guerra in questo momento, per cercare di mantenere il proprio controllo sul paese , a differenza del nuovo leader armeno Nikol Pashinyan.  Aliyev necessita di aumentare il consenso nella popolazione per poter prolungare il regime dinastico della sua famiglia, attualmente largamente contestato dalla popolazione azera.

Nonostante il nuovo cessate il fuoco mediato dalla Russia, gli scontri sembrano non arrestarsi, e il numero di vittime continua a crescere, anche tra la popolazione civile. Risulta ancora complesso immaginare come possa evolversi la situazione, e il timore più grande è che l’esercito azero, se dovesse riuscire a prendere il controllo della regione, potrebbe sfruttare il proprio vantaggio per invadere il territorio armeno. Ciò che è evidente è la necessità che la comunità internazionale intervenga per scongiurare ulteriori morti.

Emma Battaglia

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. filorossoArt ha detto:

    quella guerra è stata scatenata come “operazione tenaglia” da parte della Nato. Mentre l’ Europa cercava di delegittimare le elezioni di Alexander Lukashenko per la sua ennesima vittoria elettorale (26 anni di presidenza continua) la Nato preparava una invasione frontale preparata tre mesi prima delle elezioni, minacciando il presidente Lukaschenco di essere sostituito oppure invaso con i soli eserciti ex comunisti (traditori), eserciti messi in piedi dopo i ripetuti colpi di stato dichiarandoli l’Europa legittimi per elezioni false. I conti sono andati in contesse quando l’’Azerbaigian filo Nato ha invaso ciò che non doveva (Nagorno Karabakh), la risposta Armenia fu secca e decisa. La Georgia si rifiutò di invadere l’Armenia alle spalle dichiarando una epidemia interna all suo esercito, epidemia di “Morbillo”. La Georgia ha già subito una volta l’invasione della Russia un decennio fa, colpevole del colpo di stato in Ucraina armandola. I russi invasero la Gergia e per castigo gli portarono via tutto anche le posate e corredi nuziali lasciandoli nudi. Quindi la Georgia ha abdicato gli ordini della Nato e dell’Europa. Questa mossa gli invasori (golpisti) dell’Azerbaigian non se l’aspettavano, vedendosi costretti, senza il supporto della Georgia a indietreggiare. Lukascenko è ancora alla sua scrivania in Bielorussia con l’aiuto del popolo che lo ama e la benedizione di Putin. Gli osservatori militari russi hanno imposto tra i due popoli il rispetto dei confini e la Pace.
    Nato ed Europa … a Casa!

    "Mi piace"

  2. The Butcher ha detto:

    Sempre il solito sbaglio che fanno le grandi potenze. Dividere i territori senza tener conto della cultura, delle popolazioni e di tanti altri fattori importanti. E la stessa cosa purtroppo è successa anche all’Africa. Mi dispiace molto per tutta questa storia.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...