Astrologia oggi.

Crediti immagine di copertina: https://www.cartomanziasvizzera.ch/it/astrologia-e-segni-zodiacali_13/

Almeno una volta nella vita, è capitato a tutti noi, più scettici inclusi, di ritrovarci a leggere tra le ultime pagine di un giornale ciò che ci riserva il nostro destino. Che sia la voce di Paolo Fox o quella di un qualsiasi astrologo, l’oroscopo continua sin dall’antichità ad influenzare, più o meno direttamente, le nostre vite, con un boom di ascolti proprio con l’arrivo dell’anno nuovo.

Sono stati i babilonesi a introdurre questa pratica di lettura delle stelle per prevedere il destino degli uomini, per dare risposte alle domande più misteriose della vita e della natura, per cercare in un certo senso di governare qualcosa di fondamentalmente ingovernabile. Una vasta gamma di civiltà antiche e moderne hanno sviluppato una propria ruota zodiacale e innumerevoli tecniche di lettura delle carte astrali: basti pensare allo zodiaco occidentale, cinese sino ai meno celebri come quello egizio e quello celtico. Nel Novecento, grazie agli studi sugli archetipi sviluppati da Carl Gustav Jung, l’oroscopo ha avuto una nuova e fresca interpretazione, pur rimanendo lontano dalla scienza. Secondo lo psicologo, ogni segno rappresenta un archetipo radicato da secoli nella coscienza degli esseri umani. Inoltre, esso mostra delle caratteristiche psicologiche ricorrenti nel corso dei tempi, paragonabili ai vizi e virtù delle divinità greco-romane. È necessario sottolineare che Jung nei sui studi si è occupato unicamente delle relazioni tra disciplina astrologica e fatti psichici, senza ricercare una spiegazione fisica al fenomeno.

Come possa esistere un nesso tra i segni zodiacali e i pianeti da una parte e i temperamenti individuali dall’altra, è una questione che si perde nelle nebbie del più remoto passato e per la quale non esiste risposta.

C.G. Jung

L’incertezza provocata dalla pandemia, ha dato nuova linfa a questa pratica esoterica, motivo per cui spopolano sempre più i blog e i profili social dei così detti astro-influencers. Non più solo l’opinabile opinione di Fox in televisione, o qualche rapida ospitata radiofonica, bensì un vero boom di nuove voci più o meno competenti. Basti pensare al sempre più famoso Simon&theStars, avvocato e astrologo diplomato a Londra, il quale nel corso del primo lockdown è riuscito a costruire una piccola scuola di astrologia social, aperta a tutti i curiosi, arrivando a più di 28mila visualizzazioni su YouTube. Aumenta anche il successo di pagine amatoriali tra cui Il Merdoscopo, seguito da ben 377mila persone pronte a leggere quotidianamente meme e riflessioni culturali sul proprio segno zodiacale.

Ma perché, oggi più che mai, sentiamo l’esigenza di cercare le risposte nelle stelle? In un periodo di forte incertezza come quello che stiamo vivendo nel corso della pandemia, abbiamo bisogno di sapere quando e come le cose miglioreranno. La religione sta diventando sempre più “fuori moda” e anzi che pregare un dio, ci avviciniamo a credenze prive di divinità come l’astrologia, in grado di influenzare la nostra giornata in positivo o in negativo grazie al suo linguaggio profondamente generico e persuasivo. Inoltre, nonostante la mancanza di prove scientifiche che giustifichino l’astrologia, è anche vero che da un punto di vista psicologico l’oroscopo da rivista è in grado di influenzare il lettore a tal punto da indurlo a modificare le proprie emozioni e, di conseguenza, la percezione del reale.

C’è però un’altra faccia della medaglia, meno manipolatoria e certamente più affascinante e contemporanea: osservare l’astrologia con consapevolezza e lasciarsi trasportare dalla curiosità di capire perché l’essere umano si è da sempre affidato alle stelle e di come le interpretazioni siano profondamente legate alla mitologia classica. Addentrandosi più profondamente nella disciplina esoterica, possiamo scoprire il ruolo che ricoprono i pianeti all’interno di un tema natale, quanto una persona effettivamente non sia mai caratterizzata solo dall’archetipo del proprio segno solare, ma bensì da una serie di posizionamenti planetari, case astrologiche e addirittura asteroidi. Ogni pianeta assume le potenzialità della divinità da cui prende il nome e influenza i dodici segni zodiacali in modo diverso.

L’astrologia contemporanea, quella meno “farlocca” di cui Simon&theStars si sta rivelando la voce con più seguito, indaga proprio questi fattori e come essi possano avere o meno un ruolo archetipico nella nostra vita. La persona non è più vista come portatrice dei valori del suo segno zodiacale, né come fatalmente influenzata dalle stelle, bensì viene favorito il ruolo del proprio vissuto personale limitandosi a investigare gli archetipi che potrebbero emergere dalla nostra personalità. Un’astrologia sicuramente più cosciente della sua valenza non scientifica, ma che desidera mantenere il suo fascino adattandosi ai tempi che corrono.

Che ci si creda o meno, che si sia lettori scaramantici o occasionali, l’oroscopo è di fatto parte della cultura di diversi popoli, con declinazioni diverse ma stesso obiettivo: donare speranza (o disfarla).

Giulia Calvi

In copertina: immagine di William Maxwell

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...