Guildford, la città di “Alice nel Paese delle Meraviglie”

Charles Lutwidge Dodgson, meglio conosciuto come Lewis Carroll, trascorse i suoi ultimi giorni a Guildford, dove venne poi sepolto. L’autore delle avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie si fece ispirare da questa città durante i suoi soggiorni, durante i quali scrisse anche “Alice attraverso lo specchio”. Nel suo nuovo articolo, Francesca Formento ci racconta quanto il legame tra la città, lo scrittore e Alice sia tutt’oggi vivo e visibile nei monumenti e negli edifici della città.

#alicenelpaesedellemeraviglie #lewiscarrol #guilford #aliceinwonderland #viaggi #Thepassword #Unito #francescaformento

Un’app per combattere gli sprechi alimentari

Lo spreco alimentare è un fenomeno sempre più allarmante: ogni anno nel mondo circa 1/3 del cibo prodotto viene gettato via. Ma esistono dei modi per contrastare gli sprechi. Nel suo articolo Francesca Formento ci parla di un’applicazione che è stata creata con lo scopo di salvare il cibo invenduto da supermercati e altri esercenti, andando a ritirarlo sul posto a prezzi ridotti. Si chiama Too Good To Go e i suoi utenti si definiscono “Waste Worrior”. L’idea è di risparmiare sugli sprechi e sui costi d’acquisto dei prodotti, contenuti nelle cosiddette “Magic Box”. A Torino sono ormai tantissimi i bar, le pasticcerie e i supermercati che hanno aderito all’iniziativa.
#toogoodtogo #sprechialimentari #FAO #magicbox #wasteworrior #torino #thepassword #thepasswordunito #unito

“Lolita”, l’esordio dei tabù

“Lolita” è il romanzo di Vladimir Nabokov diventato bestseller, nonostante il suo iniziale travagliato inserimento nel circuito editoriale.
Nel suo nuovo articolo, Francesca Formento ci spiega come l’autore, accusato di aver scritto niente meno che uno scabroso racconto pornografico, in realtà sfiora appena l’erotico alludendo lontanamente a scene più spinte ma senza portarci mai nel pieno della descrizione.
Il racconto porta comunque alla luce il tabù della pedofilia, svelandoci le passioni di un uomo maturo per una dodicenne.
Di questo capolavoro ne verrà poi eseguita una trasposizione cinematografica ad opera di Stanley Kubrick, che renderà ancora più celebre il nome Lolita.