Quando Galeazzo Ciano venne ucciso dal suocero, Benito Mussolini

“Mio nonno Benito Mussolini fece fucilare mio padre, Galeazzo Ciano. Nulla poté fare Edda, mia madre e figlia del Duce”. Dopo aver votato a favore della destituzione di suo suocero, Galeazzo Ciano fuggì dall’Italia. Da latitante venne trovato, portato al poligono di tiro a Verona e fucilato a sangue freddo.
Se vuoi scoprire di più sull’ambigua figura di Galeazzo Ciano, ne parla Giulia Arduino nel suo nuovo articolo.

#Duce #fascismo #GaleazzoCiano #EddaMussolini #thepassword #ThePasswordUnito

Fucilato e appeso a testa in giù: la (non) leggendaria fine di Mussolini

Si travestì da militare tedesco. Tentò la fuga verso la Svizzera e venne immediatamente catturato. Fu fucilato dai partigiani e trasportato in Piazzale Loreto. Qui venne appeso a testa in giù.

Bene o male tutti sappiamo chi è il soggetto in questione.

Per approfondire la vicenda sulla morte di Mussolini, allora, non vi resta che leggere l’ultimo articolo della nostra redattrice, Giulia Arduino.

#Mussolini #PiazzaleLoreto #25aprile #liberazione #Italialibera #duce #ClarettaPetacci #fascismo #novecento #storia #cultura #ThePassword #ThePasswordUnito

A 15 anni vengo ucciso nelle Fosse Ardeatine

335 i corpi inermi. 335 vite spezzate. 335 fra giovani e adulti, con le mani legate dietro il busto, costretti ad entrare in una cava, ad inginocchiarsi e ad aspettare la propria morte. I gruppi di fucilazione erano composti da cinque persone. Si aspettava il proprio turno. Si entrava nelle Fosse Ardeatine e non si usciva più. Alla fine del mattatoio i fucilati risultarono essere cinque in più del previsto, ma, come riportò successivamente il capo dell’operazione, “ormai erano lì…”. Di questa follia, di questo massacro ce ne parla Giulia Arduino.

#eccidio #massacro #fosseardeatine #Roma #partigiani #ReginaCoeli #viaRasella #335 #attentato #resistenza

Il segreto confessionale: quando a confessare è un assassino

Ci confessiamo. Diciamo i nostri peccati a colui che fedelmente ci ascolta. Ma se il peccato commesso fosse un crimine spregiudicato? Il parroco dovrebbe rivolgersi a chi di dovere oppure far fede al proprio ministero non denunciando l’accaduto? Non c’è risposta giusta o sbagliata.
Ma si ci si può ragionare sopra leggendo l’articolo della nostra redattrice Giulia Arduino.

#SegretoConfessionale #Confessione #ChiesaCattolica #SigilloConfessionale #Segreto #GiovanniNaponuceno #Palermo #Omicidio #peccatore #thepassword #thepasswordunito

I Patti Lateranensi sono obsoleti?

I rapporti fra lo Stato e la Chiesa non sono sempre stati distesi. Vista l’annessione di Roma al Regno d’Italia con la Breccia di Porta Pia del 1870, il Papa cercò di mettere i bastoni fra le ruote al suo avversario. Le acque riuscirono a calmarsi solamente mezzo secolo dopo, quando, nel 1929, Mussolini decise di riprendere i rapporti con la Santa Sede al fine di tutelare tornaconti personali (e non solo).
Vennero così firmati i Patti Lateranensi. In che cosa consistettero? Oggi sono ancora in vigore? Ce ne parla Giulia Arduino nel suo nuovo articolo.

#liberachiesainliberostato #NonExpedit #PioIX #PattiLateranensi #1929 #Mussolini #PioXI #Vaticano #CittàdelVaticano #Roma #SanGiovanniInLaterano

L’ascesa di Hitler era prevedibile?

La Germania perse la Prima Guerra Mondiale, dovendo pagare centinaia di miliardi di marchi d’oro per “riparare” i danni subiti dagli Stati vincitori. Ma non era pronta a sborsare un’enorme quantità di soldi, come quella richiesta.

Questo creò revanscismo, voglia di vendetta, odio verso i vincitori… E a cosa portò? All’instaurazione del Nazionalsocialismo hitleriano e allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Se volete saperne di più consultate l’ultimo articolo della nostra redattrice, Giulia Arduino.

#Germania #Revanscismo #DannidiGuerra #PacediVersailles #PrimaGuerraMondiale #Nazionalsocialismo #Nazismo #Hitler #ThePassword #ThePasswordUnito

Il fascismo e l’ossessione per gli slogan

Alla fine del Secondo conflitto mondiale le statue e tutto ciò che poteva richiamare la dittatura mussoliniana venne cancellato, venne fatta (non completamente) una damnatio memoriae. Le sculture vennero abbattute, venne cambiato il nome a piazze prima indicanti nomi di personaggi fascisti. Ma non tutto ciò che riguardava la dittatura scomparve. Possiamo ancora trovare scritte sui muri riguardanti i motti del Ventennio. Bisognerebbe cancellarli? Bisognerebbe restaurarli essendo propriamente dei reperti storici?
Ne parliamo nell’articolo della redattrice Giulia Arduino.

#Mussolini #Dux #VentennioFascista #SecondaGuerraMondiale #Muri #Scrittesuimuri #CredereObbedireCombattere #fascismo #storia #propagandafascista

L’origine dei cognomi

I cognomi sono sempre esistiti o sono il frutto di evoluzioni “recenti”? Qual è la loro origine? La loro funzione è meramente identificativa o c’è qualcosa di più? Con questo articolo la nostra redattrice Giulia Arduino risponde queste e altre domande e ritorna agli albori dell’usanza di utilizzare un “altro nome”, oltre a quello vero e proprio.

#Cognomi #Origine #Antichità #ConcilioDiTrento #SistemaBinominale

Gli “Scemi di guerra”

Il grande mondo degli “scemi di guerra” venne presto dimenticato. Ora, con questo articolo, la redattrice Giulia Arduino ci vuol smuovere la memoria e ricordarci che la Grande Guerra non portò solo morte e disperazione, ma anche disturbi psichici incurabili.

#Scemidiguerra #GrandeGuerra #PrimaGuerraMondiale #Trincea #Vitanelletrincee #Psichiatria #Soldati #EsercitoItaliano #Italia #Guerra #MalattieMentali #Individualismo #Indifferenza #Morte #ShellShock #CorrenteElettrica #Silenzio #thepassword #thepasswordunito #giuliaarduino

1961-1989: fughe per la libertà

Coraggio, prontezza, sangue freddo e un’enorme dose di creatività, sono gli ingredienti perfetti per realizzare una fuga. Ma se la fuga comportasse una possibile morte?
Nel suo articolo la nostra redattrice Giulia Arduino ripercorre le fughe svolte durante i 28 anni del muro di Berlino. Da materassini a ultraleggeri, da mongolfiere a funamboli, da canali attraversati a nuoto a tunnel sotterranei. L’irrefrenabile voglia di libertà dei cittadini della Germania Est rese le loro imprese simbolo di genialità.

#Berlino #Est #Ovest #9novembre1989 #RegimeSovietico #treno #trapezista #carroarmato #convertibile #nuoto #materassino #arciere #ultraleggero #mongolfiera #tunnel #corsa #ConradSchumann #guardiadifrontiera #ventottoanni #1961 #1989